Get Off The Train

train-sunrise-caleb-mcginn

Picture by Caleb McGinn

*************************************************************************************

*************************************************************************************

 

Suddenly, you find yourself sit on a train car and you see many things through the dusty windows. How on earth did you get there?

This question takes you back outside; the train has disappeared, you can see the sunrise.

The next moment you’re on another train car, and everybody is talking about the sunrise: “How beautiful is the sunrise.” “Oh the light is too strong!” “I remember once, when I was in France, such a beautiful day, the sunrise…” “Who knows the symbolic meaning of the sunrise? According to the ancient…” “It reminds of…” “One day…”

You start running through the clanking wagons, even in the toilet you find people talking. It’s driving you mad. Wagon after wagon it becomes noisier and noisier; the windows are even dustier. You leap through the people in the corridor, they don’t even notice you: all they do is talking. Finally you find a quiet car, near the locomotive. There’s a lonely guy there. He’s talking by himself – you realize that most people on that crazy train are talking by themselves. But the guy stands up when he sees you, he bows to you, point his finger at the sun outside the window and whispers:

“Oh beautiful, but… maybe, I’m thinking too much about it… maybe I’m losing the real thing…”

In the wink of an eye, you’re outside in the middle of the moorland and you observe the sunrise with all your being, you become one with the sunrise. This time you know that you can get off the train anytime you like. You also know that you can observe the trains passing from a distance, you don’t need to jump up. Even if they look beautiful, with golden framework, red maple walls, handsome men and gorgeous women luring you in with their words. Yes, you can choose to get up, take a look enjoy someone’s company, have a drink, a juicy chat about the old days, fantasize about your plans. Trains take you places, that is also true, and helpful at a certain level. But you know on a deeper level that the beauty of the scenery is incomparable from the outside. Outside there is no comparison at all. There’s only silence, and peace. You’re right where you need to be. No past, no future: only now. Take a deep breath and get off the train of thought. Now you’re one with the beauty of creation.

 

Herons

Advertisements

The Destination

sound-of-silence-milenka-delic

Picture: Sound of Silence by Milenka Delic

*************************************************************************************

*************************************************************************************

 

The rock is standing high in the sky, a massif. You become the rock as you observe it. You’re aware of the gold veins and sand bones inside of you. The wind scratches your green hair. You welcome the birds, they thankfully nest on your shoulders. They respect you as a sacred altar. So they perform their rituals: birth, songs, sex, life, nourishment, death. You welcome it all. Then you become a young seagull. You cry, you laugh with your friends, you witness the shifts of the breeze. You soar joyfully, you reach the coastal cliffs. The salt in the air feels like home, though you’d never dare going too far from the cliffs. So you descend: you become a crab. You feel the water coming and going, refreshing your shell. But, wait a minute, now you’re levitating. No, better, you’re floating, ‘cause at the present, you’re a pollock fish. The sea is so smooth on your scales, you can go anywhere you want. Now, you feel a little bit different; you’re a mackerel surrounded by your family. You all dance in unison, up, down, left, right. Suddenly something rough scratches your belly and you’re violently pulled upwards. It feels dry, you’re knocked out. There’s is too much light. All your brothers and sisters are struggling to regain their personal space. They’re powerless, and so you are. But you migrate somewhere else. The next blink of your eyes you feel the winds carrying you. A new family materializes: you’ve all been traveling for a while and you’re all a little bit weary. But it doesn’t matter, you’re tough and so are the other geese. It gets chilly as you soar upon a huge block of snow peaks and after some time you see little creatures carrying pink salt cubes on their shoulders. However, you descend again, only to find your claws upon the gritty earth. You feel enormous strength in your muscles and suddenly you’re compelled to stalk a deer who’s drinking at a pool. You slip through the plants with precise stealth. Then a jump, and you can taste the soft flesh of your launch drenching blood on your fangs. You eat passionately, your tiger hunger is satisfied. Now silence. No movements. No pulls. Everything is so simple: you drink light from your branches, water from the roots. You’re merged in an unprecedented sense of peace. You witness everything around you, blindly. The years pass, and you just witness. One day, you die. You reach the final destination, a place that, ironically enough, has always been there. It has never been far from you. Even back in the day when you were a human striving for the spotlight, you were never far from the destination. You’ve always been there. Now you know. Now you are.

 

Herons

The Man With The Brown Top Hat

image

Picture by Rob Hain

*************************************************************************************

*************************************************************************************

 

It’s dark inside, the air is damp, the birch wooden moldings of the room are as dusty as the huge amethyst geode lying upwards on the coffee table like a sacrificial bowl. The guy’s holding a knife towards himself, its sharp point pinching his breastbone.

Suddenly someone breaks in: it’s Coriander. James Coriander looks at the suicidal guy with apprehension. “What on earth are you doing?” James asks quietly but firmly.

“I’m ejecting myself. I’m tired, mate. I’ve chosen to contribute from another dimension, the 3D is exhausting.”

“You’re meant to be with us on Earth, you’ve signed the agreement with me and the others.”

“I know!”

“Sleepy humans have contaminated you, isn’t it? It’s your earthling avatar, the ego software-mind, who wants to eject. Look around you,” he waves his arm across the room, “no wonder.”

“I am bored, mate.”

“Because you’ve lost your connection!”

“Yeah, they cut down the Wi-Fi last month…”

“See?! You’ve swamped yourself in the density of matter.”

“You’re damn right,” he admits.

“Now, you come with me.”

“Where do we go?”

“Here. Sit.”

They sit on the leather couches, facing each other. Coriander dusts off the geode with a rag he’s found on the sofa, then he looks at the guy right in the eyes. “Breathe deeply. Once again. In,” he inhales, “and out,” he exhales. “Now, let’s regain your connection with an IBE.”

“IBE? I knew about OBEs…”

“As far as I can see, you’re having Out of Body Experiences most of the time, with all that thinking.” He giggles. “Let’s have an Inner Body Experience. So you’ll be able to reconnect to the Silence Underneath All Sounds.”

“Ooh- ooh, meditation, this reminds me of my awakening four years ago. I think I’ve grown to like duality, you know.”

“Enough to consider ejection…”

“Mmmh, touché.”

“Feel the energy that sustains your body. The vital vibration inside of you. Let’s bring our awareness to the feet, up to the knees, thighs, pelvis, belly, chest. Let’s climb the spine, up to the neck. Focus on your shoulders, down to the elbows, wrists, palms, and fingers. Feel your awareness lighten up the body. Feel your heart-center. Be present to your neck – enough to shut off the chattering mind. Breathe. Relax your face, deeply. The forehead, and the whole cranium. Now that you’re dwelling in your body, stay there. If the mind starts talking again, gently go back to the activated body.”

“It hurts, man.”

“That’s the Pain Body. No worries, observe it without labels. It’s not positive, nor negative. It’s just residue energy in your avatar structure that the conditioning has trapped in over the years. Observe it as much as you want, cherish it, witness it.”

Time dissolves. Their mind becomes less and less talkative.

“You’ve got to cultivate this space of non-thought to raise your vibe. We need you here, man.” He smiles.

“How did you know my address?”

“Well, simple. An old woman almost fell down the front stairs and dropped her grocery bags. I helped her and seen the painting hanging in the hall – the one with a woman dressed in red dancing flamenco. I got curious and I’ve chosen to step in, helping the old woman carry her bags at her door – she lives on the ground floor.”

“Oh, Mrs. Andersen. And why you came up to the attic?”

“Well, a kitten guided me upstairs with her feline winking. So I found myself on your landing; I smelled methane from your door, a lot of methane – let’s not turn on the lights, please.”

“Actually that was my first suicidal plan,” he sniggers, ”yet I chose to not make a fire parade to get out of here.”

“What’s your current name?”

“You mean the given name? George. But they call me Taro, like the Alt-J song.”

“I’m Coriander.”

Taro and Coriander walk out the door and find themselves in the middle of South Bridge. A smell of noodles hit their nostrils. The two descend towards North Bridge, where the Man with The Brown Top Hat is waiting for them. They can see him in the distance, like a ghost among the stream of people flowing back and forth on the sidewalk. His frozen eyes glow like a portal. The boys keep on walking towards him, without losing his glance-grip. At the same time, they are aware of everything around them and they can slide among the crowd like young salmons. They finally reach him. The electromagnetic field around the three of them becomes almost visible. Some eyes linger on the trio with curiosity. The old man, his silver hair rocking in the wind, lays one hand on Taro’s shoulder, the other on Coriander’s. Most of the people fade along, naturally repulsed by their energy field. Others stop for a split-second and have a momentary glimpse of eternity. The Man with The Brown Top Hat smiles and starts falling to his knees; the two chaps spring to help him up, but his face says no. The old man closes his eyes and the features of his one-day bearded face become more relaxed. His energy dims for a second, then it bursts and overwhelms Coriander and Taro. His apparently material body starts dissolving in the air in multicolour dust, and the seagulls sing aloud. The two feel incredibly energised and start to laugh and shout out loud. The crowd streaming around them looks at them with suspicion, and probably, a pinch of fear. Coriander breathes in the fresh afternoon breeze and watches the historical buildings; then he moves his gaze up to the Castle. Taro follows. Every image is so vivid, every sound so clear, every gust of wind so pure on the skin, every smell so definite; the coffee in their mouth lingers pleasantly. A couple of girls chime in: “Hey, Taro! Who’s your freshly harvested friend here?”

“He’s Coriander, Lindsay.”

“I love it in hot soups,” adds Madeleine with a touch of mischief.

They start walking together back to South Bridge, carrying their symphony of jokes, puns, and giggles, as the sun appears above the old building’s eaves, above the puddles, the trodden sidewalks, and all forms in existence.

 

Herons

Going To The Big Something Out Of Skye

https___cdn8.bigcommerce.com_s-cfdb8_images_stencil_1280x1280_products_844_999_skye3__44699.1439738612

Picture by Andrew Peutherer Prints

*************************************************************************************

*************************************************************************************

 

Sit back, relax. I want you to feel your body, I want you to feel the vital energy that activates your limbs. The energy in your toes, ankles, calves, knees, thighs, pelvis. In your belly, torso – breasts if you happen to have a couple – shoulders. In your fingers, hands, forearms, arms. In your neck, feel your neck. Ultimately, the head: full of thoughts, worries, desires, fears, ambitions. Get rid of those, please. It’s easy: just be aware of the electromagnetic energy in your head, in your whole body. Now feel your chest, feel your heart-center and feel it as the core of your being. Close your eyes for a while. Try to maintain your awareness on that subtle electric sensation in your whole body as long as you can.

Now you’re ready to read this.

James is ready to leave. The bags are packed, the sails are tacked. Tina is waiting outside near the sailboat, she looks astounding in the grey light of the firth. She smiles. She’s looking through the window glass at James who’s making sure everything is turned off. One thing’s already for sure, the vibe is everything except off. They are flowing. Flowing through the game of matter, since they gained access to the fourth dimension. Life is a dream – repeat it a couple of times, life is a dream. They are right where they need to be, which miraculously matches with where they want to be. Or maybe, they finally got it. The two things always match.

Tina stops James’ enthusiastic boarding by clutching the edges of his coat. She looks at him in the eyes and kisses him. “Now, you can go.” He smiles and carries all their luggage below deck. “Wait! The moca coffee pot!” he yells.

“I’ll take it. You set the sails, love.” She jumps off the boat and almost breaks her ankle – she giggles. The wooden house still glows with the light of the small portion of existence they shared there. Tina plucks a bunch of buckthorn berries before going, they might come in handy. They cast off, James reaches the helm and adjusts the course. The salt is in the air, the seagulls guard the land – they’ll make sure everything carries on well while they’re away. Tina and James exit the firth and its pines. They sail on to the Isle of Man, then make a stop in Bangor. Finally, they reach the Isle of Skye. From there they will cross the ocean. But let’s focus on the now, the only existing moment.

Portree is just gorgeous. They stop and sit in the colorful harbour with their guitars. He repeatedly strums a chord in the gentle breeze: D minor. She starts elaborating an intricate arpeggio in accordance with the gulls’ song. Then they switch abruptly, she picks up the rhythmic role. James’ fingers dance through the scales and bends of his blues-rock solo. The tourists who appear along with the flowers in spring – some of them actually look like bizarre flowers – groove to their random music show enjoying the beauty of the scenery even more. They play Stand By Me by Ben E. King: she sings the background vocals with gut-shaking precision, he lets his voice come out as if it was running water from a mountain spring. Everybody gather around them; even the bagpipe player from the other side of the wharf decides to come over, perhaps he was a bit tired and needed an excuse to stop. Afterwards, they play the homonymous song by Oasis, Wishman by Trevor Hall, and Ice Cream Man by young Tom Waits.

“We have a last song now, from our friend Herons, it’s called The Valley.” says Tina.

James strums a series of long chords. F major sharp, D major, A major. Tina decorates the sequence with some high note drops. So they start singing in unison: “Way down to, way down to the valley… Way down to, way down to the valley…” and James shouts, “One, two, three, four!”

The rock song echoes in the bay, fresh and uplifting. And, surprisingly enough, no-one bothers to record it. Tina and James thank everybody wholeheartedly. People throw coins and notes in their funky hats. However, paper and metal discs will serve no purpose in the ocean, they’re better off spending them for more supplies and a bottle of gin – you never know.

Dawn bursts purple on the horizon, the seagulls salute them as they cross the billows like street acrobats. The show is set. The symphony plays wild. It smells like thunder and lightning, but it doesn’t matter. Death is just like falling overboard and melt in the sea of creation, or at worse, bump on a new boat.

 

Herons

Sweet Salty Lemonade

STORM-BREAK-no-frame.jpg

Carla brooded, bent over the table. Her chin lied gently on her pale forearm, while the gale raged outside, on the deck.

“Batten down the hatches!”, she heard from above. A sound of drumming steps kept playing like a wet drunken polka. She was thinking of Vienna, of the chandeliers shimmering around her at the ballet. Her pearly leotard still cherished her skin through the vivid memory of Schubert’s Trout. Like a trout, now captured, she was jumping and writhing in a barrell. She reached for the whisky jar in the cupboard above her with a slow, feline movement; suddenly Mike came down cheering her as if he was her owner and she was his wistful kitty lioness in the cage.

“We’re almost there dear!”, he trumpeted.

“I wish I wanted some lemonade. But I think scotch fits me more these days.”

“Whisky is amazing, Carla… if you just didn’t run to it every time you think of the past, of the gala, of champagne and stuff.”

“Humm.”

“Jack and Sara are now able to manage the whole thing by themselves up there. It’s fabulous, isn’t it?”

“Fa-bu-lous.” she spelled it out taking square photographs with her fingers.

“I love you Carla, but you shouldn’t ruin your trip like that.”

“In fact I’m trying to ruin yours my love.”, she blinked and sent a kiss through the damp ether of the hull.

He looked pretty disappointed by her childish drama. Nevertheless he took a long sip of lemonade enjoying every centilitre of it, then breathed out satisfied. She was not entirely an idiot, so she couldn’t help but suffer when she disappointed his more than sensible feedback. Carla knew she was being selfish, but her ego, like an experienced dictator who’s made so many successful golpes, controlled her body and mind – let alone her soul. At least she was aware of it, that’s a good start, Mike said to her once.

 

“I wanna dance.”, she said firmly. Mike stopped his present activity – cutting loads of lemons – and turned. Finally the special stimulus came. Finally she managed to receive it, in order to avoid to screw up the whole trip. Mike was staring at her while she produced her walkman and plugged in the aux cable slithering from the sound system.

“Fuck the ballet! I’m tired of regretting…”, she pressed play and the sharp rattling sound of cymbals faded in. Then a roaring bass solo entered the scene to introduce the kinkiest reggae tune ever. Her oak-brown eyes  dragged him into her pristine rastafari spell.

She was swaying and breathing deeply, rubbing her body against his. Nobody knew Mike was a dancer: as his ice coating melted, his legs were bouncing up and down to the rhythm, to their rhythm. Lemonade, damn cold lemonade, flooded their feet. It was spilling all over the place, but they couldn’t stop; the energy was so strong, the connection so deep. The shamanic ritual went further, they were swimming in a pool of multicoloured lights. The lemonade elixir slowly reached their hips and holy smokes diffused. The music in their heads wouldn’t stop. They were making love as never before, drinking and drinking. Until they reached the mountain top and the sailboat touched the ocean floor in the absolute silence.

Written by Herons

La consapevolezza degli Aironi

1308_ReflectingOnAutumn_016.jpg

 

Alle dieci Tamara e Orlindo attraversavano la Palude di Ostelioth. Un enorme tempio sorretto da colonne brune, abbracciate dal verde intenso dell’edera, li circondava. Il soffitto era il cielo bianco, bianco come la neve; il pavimento, un intricato sistema di canali e passerelle. Pochi avrebbero detto che si trattava del solstizio d’inverno: l’aria umida scivolava fresca tra gli alberi e i canneti della vergine palude. Anche se non lo potevano vedere sapevano che il sol invictus era rinato ancora una volta. Era dunque un momento di rinascita, di nuova forza, quella forza necessaria per passare un altro inverno nelle lande sperdute di Mikilis. La loro capanna torreggiava sorretta da tre cipressi calvi a pochi chilometri di distanza; il villaggio di Marelia era la loro destinazione corrente. Lungo il percorso Orlindo – che vestiva la sua tunica ricamata preferita, quella indaco – coglieva la malva selvatica ogni qual volta comparisse tra una lingua di terra e l’altra. Tamara teneva sempre l’arco a portata e lo sguardo vigile; la cicatrice che le ornava il volto somigliava ad un serpente crestato con il muso adagiato sul sopracciglio destro. Giunsero al Ponte dei Cospetti, o più semplicemente, un albero enorme caduto nel punto giusto.

Il fiume Zahir tranciava la palude in due, protetto dagli argini di antica memoria; ci si vedevano pesci di ogni genere guizzare con gioia e questo sembrò un ottimo motivo per sedersi un attimo sul ponte a godersi lo spettacolo, con le gambe a penzoloni.

 

“Non mi pentirò mai di aver scelto questo posto… checché se ne dica.”, realizzò Tamara dondolandosi.

“Puoi dirlo, Tama. Sai, tuo fratello ha delle patate dolci meravigliose, le ho viste l’altro ieri, ci stavo facendo un pensierino…”, ammiccò Orlindo per poi strofinarsi più volte il volto con un gesto automatico.

“Beh, minimo minimo, vorrà quattro barattoli di sambuco per delle primizie del genere.”

“E glieli diamo! Patate dolci bella mia! Poi le arrostiamo, le friggiamo, ci facciamo il bordello…”

L’entusiasmo culinario di Orlindo non aveva mai smesso di accendere la passione della guerriera, quindi lo tacque buttandogli la lingua in bocca con la tipica grazia tribale.

 

Zaino in spalla, ripresero il cammino portandosi addietro un mucchio di roba che, senz’altro, avrebbero barattato al villaggio. Erano ormai due anni che Tama aveva lasciato casa per trasferirsi con il magico Orlindo nella palude, una scelta che la famiglia accettò senza fiatare: si fidavano di lei e lei si fidava di loro. Chiamiamolo mago, sciamano, druido o sacerdote, indubbiamente Orlindo aveva delle doti che di rado si vedevano in giro e tutta Marelia lo salutava ridente. Passarono come un lampo un un paio d’ore di cammino nel quale il silenzio venne di rado interrotto – non ne valeva la pena: erano talmente immersi nella bellezza del momento presente che bastò un sorriso qua e là per comunicare.

 

Un silenzio inaspettato li accolse ad alcuni metri dalle palizzate del villaggio; una pratica spirituale silenziosa, pensarono, una meditazione collettiva o qualcosa del genere – in tempi e luoghi come quelli pensare al peggio era inutile e spesso controproducente. Avanzarono lentamente verso il fossato, lungo la sinfonia degli uccelli palustri. Un uccello azzurro rivolse il suo canto a Orlindo, il quale annuì e il viso barbuto divenne subito serio. Tama, che se ne era accorta all’istante, chiese chiarimenti con un cenno del capo; il magico le rispose con alcuni gesti precisi delle mani: “Rallenta, lascia che vada io per primo.”

Il ponte levatoio era abbassato e il portone chiuso – nulla di nuovo. La cosa strana era che le torrette d’osservazione erano vuote, nessuna guardia di vedetta; ma anche questo poteva essere un segno di raccoglimento collettivo, pensò Tamara.

 

Il villaggio, modestamente fortificato, si estendeva per circa due chilometri quadrati e conteneva sul  suo terreno bonificato svariati orti, qualche piccolo campo di cereali e alcuni allevamenti di capre e galline. Una comunità fiorente che imparò negli anni a vivere in accordo con la Natura non sempre gentile di Ostelioth. Non era una terra di per sé bellicosa, tuttavia era necessario potersi difendere dai massicci alligatori, dai roditori infastiditi e dai briganti di passaggio. Marelia era famosa per il Laboratorio degli Speziali dove venivano preparati medicamenti di ogni genere. Nonostante ci fossero soltanto sentieri stretti e impervi per giungervi, tutta Mikilis conosceva i suoi oli essenziali distillati proprio lì, nel cuore della palude.

 

Orlindo bussò tre volte al portone. Dopo qualche minuto senza risposta ritentò – niente. Decisero di costeggiare il fossato ed entrare direttamente dal bosco di castagni in Marelia Ovest; era circondato da un recinto più basso con un portone di modeste dimensioni di cui Tama possedeva la chiave. Entrarono, e in quel preciso momento le nubi si diradarono. Il sole alto di mezzogiorno penetrò il boschetto indorando la corteccia chiara dei castagni – un segno per Orlindo, tutto si sarebbe reso più chiaro in breve tempo. Il villaggio era deserto, inanimato. Tamara cominciò a preoccuparsi quando vide la porta della casa di Julius socchiusa e le luci tutte spente. La corrente elettrica a quei tempi era utilizzata per le cose più essenziali. Veniva generata da vecchi pannelli solari, ritrovati intatti per miracolo e dallo sporadico turbinio del  colossale mulino eolico arrugginito che negli anziani rievocava la leggenda della fondazione del villaggio, tramandatagli dai genitori quando erano bambini.  

 

“Julius? …Julius? …Marica?”, li chiamarono entrambi, senza alzare troppo la voce, dalle scale, in cucina, in soggiorno – ancora niente.

“Ma dove diamine è mio fratello…”

“Ssh, ascolta.”, la fermò Orlindo a bassa voce, indicando dalla finestra del soggiorno le uniche luci accese. Dai finestroni della Sala del Popolo si sentivano rumori ovattati di risa, applausi e una voce che come un infinito assolo di chitarra sovrastava tutte le altre. Si fecero cenno di andare e scoprire cosa stava succedendo nella grande sala. L’edificio, come del resto lo erano tutti gli altri, era fatto di legno in prevalenza con l’aggiunta di materiali disseppelliti riciclati come cemento e metalli vari. Aveva l’aria di un’enorme sala nordica rattoppata qua e là in perfetto stile post-apocalittico.

In effetti, mille anni prima ci fu una vera e propria apocalisse. I pochi esseri umani rimasti sul pianeta, giocoforza, impararono molte lezioni dopo il Grande Cataclisma. Tutto era ripartito da capo, come se se si trattasse di un altro ciclo naturale: morte e rinascita. Di certo la Madre Terra non fu clemente, non risparmiò le grandi conquiste dell’uomo che arrogante pensò di poterla soggiogare e abusare… Tuttavia con l’inconfondibile generosità gli diede una seconda chance.

 

Aprirono lentamente il portone e di soppiatto attraversarono il vestibolo, dove bruciavano bastoncini di incenso ai chiodi di garofano. Tama scostò dolcemente la tenda mentre Orlindo appoggiò la testa sulla sua spalla per vedere. Tutta Marelia era stipata lì dentro, in piedi ad ascoltare. Percepirono una strana energia, delle vibrazioni dissonanti, benché tutti i cervelli fossero evidentemente accordati sulla stessa frequenza. Il problema è che a dettare l’andamento, il tempo e le dinamiche dell’orchestra era un bizzarro direttore. Giovane, alto, in forma, con la tunica nera striata d’argento il Genio della Cometa aveva sedotto l’intero villaggio. Era completamente calvo e sullo scalpo portava la stella con la coda tatuata, che gli scendeva lungo la nuca, attraverso la schiena e fino alle natiche. I suoi lineamenti erano sinuosi e mascolini al tempo stesso con un modesto pizzetto ad allungargli il volto. I suoi occhi corvini risplendevano nella luce calda del salone, rivolgendosi come fanali a un mareliano o all’altro, mentre parlava e parlava all’intero pubblico innanzi a lui. Dall’alto del palco irrorava la folla assetata con le sue parole così succose e invitanti; tutti quanti accoglievano ciò che volevano sentire, perché questo è il mestiere del demagogo. A Lucinda piacevano i fiori? Lui glie ne dava a mazzi; a Illbert piacevano i funghi? Nessun problema, ne aveva interi sottoboschi; a Earlsson piacevano le donne? Un harem era già allestito per lui. Ma il Genio della Cometa non vendeva cose e men che meno persone. Il Genio della Cometa vendeva parole.                  

 

Ostelioth pulsava di vita nelle ore più soleggiate della giornata e al di fuori del villaggio si potevano sentire le rane cantare negli stagni, le libellule sfrecciare qua e là e le cornacchie gracchiare dall’alto dei rami. Ad un tratto, dalla penombra di un canneto, il re della palude prese il volo, libero, maestoso, irradiato dal sole invitto. Gli egizi lo chiamavano Bennu – la fenice del mito originale – noi lo chiamiamo airone. Si librò in aria leggero, per gradi, e dal canaletto dov’era appollaiato percorse per un breve tratto la traiettoria del fiume Zahir. Poi, con una parabola osservò l’intera palude immersa nella foschia; dunque sorvolò il villaggio deserto.

Lo sguardo del Genio incrociò quello dei nuovi arrivati:

“Ohh, fate avanzare i nuovi arrivati! Ma siete bellissimi, da dove venite?”, aprì le braccia. La sua voce di baritono fendeva l’aria come un violoncello. La folla si scostò pian piano fino a formare un corridoio di sorrisi di cartapesta. Orlindo e Tama erano alquanto sconcertati nel vedere amici e parenti completamente incoscienti di ciò che stava accadendo; Julius e Marika parevano due automi, con i bambini davanti a loro tanto robotici quanto i genitori.

“Avanti non fate i timidi, su, c’è ancora qualcosa da mangiare qui davanti.”, insistette il Genio sorridendo.

Tamara era sconvolta. Orlindo invece aveva già visto quella faccia, quell’espressione compiaciuta. Da qualche parte lui l’aveva vista. Abbracciò Tama che, pietrificata, non si muoveva di un millimetro; avanzò lentamente con lo sguardo fisso negli occhi dell’oratore. Arrivò al tavolo del buffet con lo sguardo sempre puntato, quindi senza distorglierlo prese un tortino alle zucchine e lo annusò per poi riappoggiarlo sulla tovaglia. Per un momento guardò gli stendardi delle tre colonne maestre che si ergevano dietro al palco, i tre simboli di Marelia: a sinistra la luna, a destra il sole e al centro due mani strette – il mudra della cooperazione. Chiuse gli occhi per poi scagliarli di nuovo contro il Genio. Questo abbassò la voce che prese un tono diverso,come se lui e il magico fossero soli:

“Ho detto qualcosa di strano? Garin?”

“Mi chiamo Orlindo …ora. E tu, non ti chiami più Khaled.”

“Io sono e sarò sempre il Genio della Cometa. Quanti secoli sono passati? Quattro o cinque?”

“Non ne ho idea… Ma torniamo a quello che stai combinando qui, mi interessa di più.”

Il Genio cominciò a passeggiare sul palco, mentre tutti gli altri sorridevano a Tama ancora immobile, nel silenzio più totale.

“Sai Garin – posso chiamarti così?”

“No.”

“Mmm, bene, Orlindo, Orlindo,” sorrise malizioso, “il passato è importante, ma se vuoi occuparti di queste pecore selvatiche ti accontento. Ora sono sotto il mio sortilegio… Oh benissimo, vedo che non ti scaldi più tanto come facevi una volta. Hai imparato a controllarti, a trasformare l’energia delle tue emozioni – mi hai aggrottato le sopracciglia solo una volta. Bravo.”, fece un piccolo applauso, quando Orlindo lo interruppe con assertività:

“Taci. Sai che la tua commediola con me non funziona.”

La tensione tra i due cominciò a farsi palpabile, gli sguardi incrociati generavano una sorta di campo elettrico. I due eterni rivali si incontravano ancora una volta, in un’altra vita. La banalità di bene e male che si fronteggiano da millenni. L’uno guidato dall’anima, l’altro guidato dal suo ego.

“Di alla tua donna di abbassare l’arco, la sciocchina non sa cosa posso fare.”

Il magico si girò e vide Tama in prede alla rabbia, quindi con un gesto della mano le disse:

“No amore, lascia stare,” quindi si rigirò, verso la sua nemesi, “non faremo il suo gioco. Non hai mai vinto caro. Cosa ti fa pensare che questa volta ce la farai?”

Orlindo nel provocarlo fece una scelta non proprio saggia:

“Marica sali per favore.”

“Oh, ma certo.”, saltellò sul palco allegramente per poi ricevere un bacio sulle labbra dal Genio. Questo le cinse la vita con la mano destra, mentre con la sinistra prese il suo bastone da viaggio in ebano:

“Giusto per evitare che la selvaggia cambi idea.”, puntualizzò guardando Tamara, furiosa per ciò che vedeva.

“Banale dirti di lasciarla andare, no? So che non lo farai… Ehi Mari?”

Questa scosse il capo come per risvegliarsi:

“Orlindo, che.. che…”

“Marika, tesoro”, la sgridò il Genio con tono apprensivo, quindi le diede un altro bacio, “quello non è il marito di tua cognata è un brigante, un ciarlatano.”

“Mari? Sono Orlindo, vieni da me.”

“Ehh? Ehh? Orlindo…”

“Marika mia, lo ascolti davvero?”, questa si rivolse nuovamente all’oratore come una bimba disobbediente colta sul fatto. Di scatto il Genio la colpì alla nuca col bastone lasciandola tramortita al suolo.

“Ahiai, ti sei accigliato di nuovo Orlindo. Un attimo di contegno, eh… Ancora! Dì alla tua donna di stare ferma con quel fottuto arco.”

Il magico alzò ancora una volta la mano verso Tama, che in piena fiducia riabbassò l’arma.

I loro poteri si eguagliavano, era ormai un fatto evidente per entrambi. Ognuno avrebbe potuto scatenare l’intero villaggio contro l’altro. L’unico elemento che spostava l’ago della bilancia era Tamara che, nonostante la rabbia, poteva ancora controllarsi. Allora cosa impediva la sconfitta del Genio della Cometa? Il magico aveva intuito qualcosa: il nemico giurato aveva un asso nella manica, né era certo. E dall’altra parte, Tama non era abbastanza avventata da uccidere qualcuno soltanto perché mossa dall’ira.

“Sei così scaltro Garin, emh, Orlindo, vedo il tuo terzo occhio illuminato persino da qui.”, disse ridendo. Dunque, facendo un piccolo gesto con l’indice verso l’alto alzò lo sguardo dei due sfidanti verso il soffitto. Sull’ultima balconata decine di uomini incappucciati apparirono dall’ombra con gli archi pronti al comando del demagogo.

“Parlano una lingua che non conosci, caro mio magico. Non potresti convertirli e, anche nel caso eccezionale in cui tu riesca ad indovinare e sapere la loro lingua, sappiamo che non useresti i tuoi poteri per uccidermi. Destesti la violenza, no? Ti indebolirebbe diffondere la morte, no? E non scordiamoci dei mareliani, che sono ancora sotto il mio controllo. Ci metteresti troppo tempo a svegliarli; nel frattempo potrei uccidere te, Tamara e molti di loro. D’altra parte se Tamara mi uccidesse, i miei amici la sopra ve la farebbero pagare. Quindi che ne dici di arrenderti semplicemente e…”

“E? Cosa succede se mi arrendo? Non te ne rendi conto? Questo è uno stallo, anche se sei in vantaggio. I mareliani con la tua morte si risveglierebbero e riuscirebbero a fermare i tuoi senza difficoltà al solo prezzo della mia, della tua e della vita di Tamara …e di qualche altro malcapitato nella scorribanda, naturalmente. Vincerebbe comunque il villaggio. Ma sia io che te ci teniamo alla nostra vita, o sbaglio? Come sai che tengo immensamente a quella di Tama.”

 

La situazione cominciò ad essere difficile da sostenere per tutti quanti, fatta eccezione per i mareliani ancora incoscienti, pietrificati in un sorriso ebete collettivo. Al di fuori Ostelioth viveva indisturbata in una pace surreale e naturale al contempo, mentre nella Sala del Popolo l’atmosfera bruciava come una fornace.

Orlindo, con la coda dell’occhio, vide un’ombra particolare sul cornicione di una finestra alla sua sinistra; dunque osservò con più attenzione, era una grossa ombra di uccello. L’ombra dopo qualche secondo scomparve lasciandosi dietro un verso acuto, ripetuto più volte: il canto dell’airone risuonò nella sua mente come un mantra. Gli pulsava forte la fronte, come se il suo terzo occhio volesse uscirne. Un’intuizione fulminea! Il magico si illuminò, era disposto a seguire il messaggio dell’uccello sacro senza esitare:

“Mareliani! Sono il vostro Orlindo.”, tutti lo sentirono.

Mentre il Genio visibilmente messo in crisi non diede il segnale agli arceri:

“No! Mareliani è un ciarlatano! Un un impostore!”, si mise a urlare tremante.

“Abitanti di Marelia, miei cari, ricordate quella volta in cui mi avete accolto? Il freddo mi aveva stremato, il mio zaino diventava pesante e a quel punto, nella tormenta, è apparso il portone del vostro villaggio. Vedendomi in difficoltà, i fratelli Illbert e Stanley me l’hanno aperto senza esitare.”, lentamente cominciarono a scongelarsi, a volgersi verso di lui, “Ricordate quella volta in cui ho fermato gli alligatori intenti a sbranare i vostri figli in gita nella palude? Ricordate quella volta in cui convinsi Hagard, fuori di sé, a fermarsi prima che lanciasse una molotov in mezzo alla piazza gremita? O quella volta in cui abbiamo consacrato l’orto centrale e gli ortaggi furono più abbondanti dell’anno prima? Qualcuno avrebbe potuto dire che vi ho motivati a coltivarli con più entusiasmo e dedizione… ma, come me, qualcuno di voi crede che quella dedizione venisse da qualcosa di superiore, di universale e al tempo stesso dentro di noi. Qualcosa, anno dopo anno, ha sostenuto il villaggio nei suoi momenti più difficili e reso più intense le celebrazioni: la vostra anima. Ma non stiamo qui a parlare di spiritualità ora… Quest’oggi, il Genio della Cometa vi ha ingannati, ipnotizzati, stregati.”

“No! No! No! Arcieri!”

Tamara era pronta a scoccare la sua freccia per la risoluzione finale, ma il magico la fermò un’altra volta. L’ordine del Genio non sortì alcun effetto. Sulla balconata gli arcieri, uno ad uno, cominciarono a levare il cappuccio: erano tutti guardiani di Marelia, emozionati, come tutti gli altri dal discorso di Orlindo. Questo, vista la conferma della sua intuizione sorrise:

“Ora lasciamo che questo signore con la stella in testa trovi l’uscita amici miei.”

Tamara era sollevata, con il viso ancora madido di sudore freddo andò a sedersi sul divanetto. Davanti a lei vedeva tutti gli abitanti del villaggio che cominciarono ad abbracciarsi, a rassicurarsi. Julius andò a soccorrere la moglie con i piccoli, mentre le guardie scendevano posando gli archi.

Il Genio, in un disperato tentativo di rivalsa, si fiondò dal palco sul magico; brandiva il bastone alto sulla testa, pronto a sferzare un ultimo colpo. Sfortunatamente il gruppo dei massicci boscaioli era tra le prime file e come una muraglia di muscoli bloccò il gesto del folle rendendolo completamente innocuo. Il magico gli si avvicinò con la tunica ancora più splendente porgendogli la mano sulla spalla:

“Non hai mai vinto contro di me. Perché non ti unisci a noi? So che puoi essere guidato anche tu dalla tua anima.”

Questo, ancora avvinghiato tra le braccia dei taglialegna, lo guardò in faccia con uno sguardo mai visto prima. Dopo migliaia di anni, una sorta di consapevolezza alleggeriva i lineamenti del suo viso, quella volta si era arreso per davvero:

“Lasciami uscire…”

“Come vuoi.”, rispose amichevole il magico.

Raccolse il bastone e lo zaino sgualcito, dunque s’incamminò autonomamente verso l’uscita; a quel punto, tra le tendine, guardò Orlindo un’ultima volta con la stessa limpida consapevolezza.

Scritto e redatto da Herons

Squarcio di Rivoluzione

large.jpg

 

Tra le colonne di fumo si sentivano rumori di passi, di salti, di capriole, di corpi che si trascinavano o che venivano trascinati. I grattacieli di Piazza Mal Koff parevano sifoni, con fumarole che sgorgavano incessanti dalle finestrelle, illuminati dal fuoco degli incendi all’interno come lampade a olio. Il plotone Gerarsh perlusrtrava cautamente la zona mentre gli insorti si ricomponevano dietro le barricate. Palizzate di letti, armadi, lavatrici, furgoni e qualsiasi tipo di oggetto immaginabile accerchiavano il Palazzo della Nazione e il quartiere circostante; erano in netto vantaggio per quanto riguarda l’occupazione della città, tuttavia lo scoglio più grande era proprio in quel quartiere: la caserma dei Santi Giustizieri, il corpo armato più agguerrito della regione.

“Ci serve un attacco decisivo alla caserma, bisogna provocare una vera e propria emorragia a quel livello…”

“Ma Boarfang quelli hanno i lanciagranate!”, ribatté Wolfhead.

“Un infiltrato.”, apparì una voce dal buio. Tutti i membri della Cellula K adunati attorno al fuoco si voltarono; dalla foschia, bardato nel cappotto lungo di stoffa grezza apparve Rollerbeak. I dreadlock e la barba chiara ornavano il volto scarno e sporco di fuliggine del condottiero. Tra i gli occhi sbarrati, increduli dei ribelli echeggiava l’appellativo che lo rese noto in quanto cantautore e aizza-folle. Boarfang lo accolse:

“Maledetto. Ancora vivo sei? Sciamano?”

Tutti quanti cominciarono a sorridere e rincuorati brindarono con la poca birra rimasta; gli schiocchi e gli sbuffi delle lattine accolsero Rollerbeak nel cerchio. Goathorn lo abbracciò calorosamente mentre Craneye non indugiò nel provocarlo:

“Quindi vuoi infiltrarti tu?”

“No cara, pensavo proprio a te…”, ammiccò lo Sciamano. In un primo momento rimase basita, poi, capì la battuta:

“Non è scopandomi dei fascisti che sono arrivata fin qui. Quelli sentono la puzza di libertà a chilometri di distanza.”

“Sei sempre meravigliosa. Amici miei, l’infiltrato speciale non è nulla di tutto ciò che potete immaginare… Vieni Perchbone.”

Un’altra leggenda dei primi mesi della rivoluzione fece la sua comparsa e tutti si resero conto della natura dell’oggetto che custodiva come un bebè tra le sue braccia.

“E’ lui il nostro infiltrato!”, indicò Rollerbeak.

Agli occhi di qualcuno che non conosceva Perchbone poteva apparire come una normalissima palla da bowling, ma per la Cellula K che combatté al suo fianco svariate volte era chiaro che quella palla doveva esplodere.

“Il bombarolo è tornato!”, esultò Jackaltooth.

 

Il piano era chiaro, l’ordigno doveva essere piazzato in un punto focale del torrione nemico. Ma come portarcelo senza perdere troppi compagni? L’idea venne da Pigeonclaw, un conoscitore di mappe, posti e cose che volano. Prepararono i materiali per un intervento che avrebbero chiamato balistico.

Il trabucco rudimentale più recente della storia fu montato dai compagni anarchici della Cellula K in cooperazione con quelli della Cellula G; non era molto alto, ma per questioni di portata doveva sbucare dalle palizzate.

 

“Vedo qualcosa di nuovo… come un palo.”

“Agente 676 non dica scemenze, quello è un palo.”

“Ah.”

“Bene, uomini, possiamo rientrare. Il carico di rifornimenti arriverà dall’alto. Un elicottero ci calerà le casse alla torretta Ovest.”, informò i suoi uomini il Generale 0.

 

Si sentivano rumori costantemente, indefiniti come le forme degli oggetti, degli avvenimenti; potevano essere esplosioni, o schianti, o spari. Nonostante la nebbia di guerra i due schieramenti avevano tutto sotto controllo: le ricetrasmittenti ronzavano tra le barricate, mentre le notifiche viaggiavano senza fili negli auricolari degli agenti governativi.

Tutto era pronto e chi diede l’ordine lo sussurrò a bassa voce. Nessun urlo di guerra accompagnò la palla volante che, da quando venne catapultata, sorvolò i due quartieri: passò sopra la Clinica Bertand, sfiorò il grattacielo della Banca dei Servi, l’antenna della FBC-media e il pinnacolo della somma cupola del Palazzo della Nazione. Tutte le cellule erano pronte all’attacco: armati di catene, pistole, archi, spade, asce, fionde e mazze di ogni tipo. In pochi millesimi di secondo la palla avrebbe raggiunto il comparto Ovest, il più pericoloso. Perchbone era pronto a schiacciare il pulsante viola del detonatore. Era il momento giusto, dunque il detonatore venne attivato, ma nessuno sentì il rumore di eliche che poco prima passò da Downtown. I rivoluzionari erano già partiti al primo segnale a piedi, a bordo di motocross e di auto-testuggine, ma ciò che sarebbe avvenuto di lì a poco sconvolse i piani di tutti quanti. Grazie ad una bizzarra coincidenza: la palla esplose insieme al carico di munizioni e granate che lento veniva calato dal velivolo.

Una deflagrazione infernale travolse tutto e tutti. Il materiale esplosivo zampillò in tutte le direzioni per un’area più grande del cerchio di barricate. Negli occhi azzurri di Rollerbeak, armato di mitraglietta e Tomahawk, uomini bianchi, neri, mulatti, vestiti di stracci, cappotti o uniformi venivano polverizzati indistintamente. Il corpo senza vita di Craneye, scaraventata in cielo dall’onda d’urto infine cadde al suolo, insieme alle lacrime dello Sciamano. E fu in quel preciso istante che, abbassando la testa, si accorse del tubo metallico che lo trapassava da parte a parte. Finalmente fu convinto, per la frazione di tempo che gli restava da vivere, che la violenza può generare solo altra violenza.

 

Scritto e redatto da Herons